A seguito delle misure straordinarie adottate dal Governo allo scopo di contenere il diffondersi del nuovo coronavirus si forniscono le necessarie indicazioni sulla gestione delle istanze di mediazione, di arbitrato e di composizione delle crisi da sovraindebitamento da parte dell’Organismo di Mediazione, della Camera Arbitrale e dell’O.C.C. della Camera di Commercio di Catanzaro.

Per quanto concerne le pratiche di Mediazione, sono sospesi i termini per lo svolgimento di qualunque attività nei procedimenti di mediazione nel periodo che va dal 9 marzo al 15 aprile 2020, con riferimento ai procedimenti che rientrano nella condizione di procedibilità e promossi prima del 9 marzo. Per il deposito delle istanze, invece, gli utenti possono procedere attraverso la posta ordinaria, la piattaforma telematica ConciliaCamera o via PEC all’indirizzo.

Il rinvio d’ufficio degli incontri con le parti e con il mediatore sarà fissato in una data successiva al 15 aprile e ne sarà data comunicazione con avviso sul sito www.cz.camcom.it. Qualora le parti manifestino, formalmente, la volontà di proseguire la procedura può essere avviata e conclusa. In questo caso, gli incontri saranno organizzati a distanza in modalità di audio o video conferenza. Per le Mediazioni volontarie, alle quali non si applica la sospensione dei termini, i procedimenti saranno gestiti, nel rispetto delle indicazioni rivolte a garantire la sicurezza nell’attuale situazione di emergenza attraverso l’utilizzo della PEC e delle videoconferenze.

Per quanto concerne l’Arbitrato , sono sospesi fino al 15 aprile 2020 i termini per il deposito di tutti gli atti dei procedimenti, compresi i lodi, così come ogni altro termine previsto nel Regolamento, anche in analogia a quanto previso per le udienze dei Tribunali e per la mediazione. Ove il decorso del termine abbia inizio durante il periodo di sospensione, l’inizio stesso è differito al 16 aprile 2020.

Per i depositi delle nuove domande di arbitrato, invece, si potrà procedere attraverso la PEC o secondo le modalità ordinarie.

Non è prevista alcuna sospensione di attività in relazione all’Organismo di Composizione delle Crisi da sovraindebitamento. I depositi di domande o di documentazione andranno attivati a mezzo PEC all’indirizzo  o a mezzo posta. Gli incontri avverranno in videoconferenza previa intesa tra gestore e segreteria dell’O.C.C.